domenica 23 gennaio 2011

MUSICA PROIBITA

Nel 1888 un giovanissimo compositore, che aveva pure lasciato inconcompiuti gli studi al conservatorio di Milano, partecipò al un secondo concorso indetto dalla casa discografica Sonzogno. Quel compositore era Pietro Mascagni e vinse la competizione con l'opera "Cavalleria rusticana" tratta da una novella di Giovanni Verga.
A quella stessa gara partecipò anche un'altro compositore, il torinese Stanislao Gastaldon, con un'opera, "Mala Pasqua", pure anch'essa tratta dalla novella di Giovanni Verga. Entrambe queste due opere vennero rappresentate nel 1890 ma il successo di Cavalleria rusticana la offuscò (e non fu l'unica a subire l'eclissamento) e in seguito venne dimenticata. Di essa sopravvisse solo la canzone "Musica Proibita".
Nel testo una fanciulla vuole ripetere il ritornello di una canzona d'amore che un bel garzone, da sotto il balcone, le canta ogni sera ma ciò le è proibito dalla madre senza però capirne il motivo. Aprofittando della assenza della madre intona le parole "Vorrei baciare i tuoi capelli neri /le labbra tue e gli occhi tuoi severi /Vorrei morir con te angel di Dio /O bella innamorata tesor mio [...]

Nonostante una decina di opere scritte ma mai pubblicate e un centinaio di canzoni, di Gastaldon sopravvive solo questa canzone. Molte delle sue opere vennero infatti distrutte in un incendio avvenuto negli archivi Sonzogno. Il fatto poi che questo compositore, dal carattere un pò schivo, che mai si riconobbe negli ideali fascisti degli anni venti e mal si adattava alla vita sociale, lo relegarono in secondo piano fino al punto che lo stesso Gastaldon dovette arrangiarsi per vivere vendendo quadri. Morì quasi dimenticato nel 1939.

Una cosa curiosa di questa canzone è che, sebbene sia stata scritta per voce femminile, la si può trovare cantata anche da un tenore o anche da un baritono.

Quello che vi propongo è la versione per duetto.

2 commenti:

  1. Finalmente cantata come era previsto dall'opera dell'autore!Italo Zamprotta

    RispondiElimina
  2. L'articolo è interessante, tuttavia "Musica proibita" non fa parte dell'opera Mala Pasqua!

    RispondiElimina